Concorso al Ministero dei Trasporti per 32 ingegneri

0

Ministero delle Infrastrutture e dei TrasportiUn concorso pubblico unico dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti offre la possibilità per 32 ingegneri di essere assunti presso la Direzione Generale per le dighe, le infrastrutture idriche ed elettriche. Tale concorso è da svolgersi a Roma, e le sedi di infrastrutture idriche ed elettriche:

  • n. 4 posti sede di lavoro Torino (presso l’Ufficio tecnico per le dighe di Torino),
  • n. 4 posti sede di lavoro Milano (presso l’Ufficio tecnico per le dighe di Milano),
  • n. 4 posti sede di lavoro Venezia (presso l’Ufficio tecnico per le dighe di Venezia),
  • n. 2 posti sede di lavoro Firenze (presso l’Ufficio tecnico per le dighe di Firenze),
  • n. 2 posti sede di lavoro Perugia (presso l’Ufficio tecnico per le dighe di Perugia),
  • n. 4 posti sede di lavoro Napoli (presso l’Ufficio tecnico per le dighe di Napoli),
  • n. 2 posti sede di lavoro Cagliari (presso l’Ufficio tecnico per le dighe di Cagliari),
  • n. 10 posti sede di lavoro Roma (presso la Direzione generale per le dighe e le infrastrutture idriche ed elettriche).

Al concorso saranno ammessi i candidati in possesso di Laurea Magistrale, Laurea Specialistica o Diploma di Laurea quinquennale secondo il previgente ordinamento in ingegneria civile o ingegneria edile o ingegneria dei sistemi edilizi o ingegneria della sicurezza o ingegneria per l’ambiente ed il territorio.

La domanda dovrà essere presentata entro il 23 Dicembre 2013 attraverso il sito istituzionale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Fonte Concorsi Pubblici

Condividilo!

Autore:

Il progetto 5.AVI nasce nel 2011, a partire dalle esperienze di promozione di iniziative rivolte ai giovani, che negli anni precedenti sono state sostenute dalle associazioni dei cinque comuni del Valdarno Inferiore (da lì l'acronimo 5.AVI). A seguito del crescente successo del Progetto 5AVI, nel 2012 la piattaforma web si trasforma in testata giornalistica. Ad oggi conta all'attivo 15 collaboratori, il supporto dell'associazione La Stazione e la partnership con il quotidiano online gonews.it.

Lascia un commento