Risvegli

0
Condividilo!

Fuori nasce il giorno, in un frastuono di risvegli.
Gli uccelli all’alba gridano,
svegliati dal sonno,
confusi gridano qualcosa
forse si chiedono perché
si debbano risvegliare.
Su un tappeto di suoni
la tiepida luce
elenca la natura.
Alberi costretti a svelarsi
così presto,
quando tutto non è ancora.
Quando tutto dubita di sé.


La mia stanza è ancora piena di buio.
Sopra il mio silenzio
i miei vicini scopano,
si scaldano e si consumano.
Me li immagino semi nudi
mentre aspettano la fine.
Gli strappi delle acute grida
ingannano l’attesa.
Poi un ultimo sospiro
– all’unisono –
e tutto si spegne.
Il silenzio può tornare a farsi sentire.
Ed io
a dormire.
5avi - risvegli

Leggi anche: Il Ronzio

Autore

Classe '91, laureato in Discipline dello Spettacolo e della Comunicazione a Pisa. Attualmente studio "Storia delle Arti visive, dello spettacolo e dei nuovi media". Amo la musica ed ho una band nella quale canto e scrivo i testi. Sono appassionato ad ogni forma di scrittura, dalla sceneggiatura alla poesia, dal testo teatrale al romanzo.

Lascia un Commento