“In a Heartbeat”: il primo amore tra due ragazzi in un cortometraggio delizioso.

0
Condividilo!

Scatoloni impolverati riemergono dal buio di soffitte e sgabuzzini. Hanno conservato per un anno intero, festoni, pomi cromati, lampadine, fiocchi e ghirlande. Dopo un anno di attesa sono pronti per il grande show.

I posti migliori toccano a chi ha ancora intatta la brillantezza di un tempo, chi ancora vanta colori sgargianti. Al resto spettano i posti più scomodi ed ingrati e il ruolo di semplici comparse.
Ma c’è poco da lamentarsi, è tanto che il posto su quell’albero plasticoso ci sia ancora. Si poteva capitare in una ricca casa borghese, dove ogni anno i padroni cambiano gli addobbi con il rischio che il bel rosso luccicante di una palla non si intoni più con il colore corrente.
A nulla serviranno i lamenti; finirete in soffitta o in qualche sacco nero trasportati in luoghi dove sarete solo decorazioni riciclate o peggio, diretti verso la discarica: il cimitero degli addobbi.

Il Natale è una metafora del mondo e delle sue contraddizioni, e anche se chi vi scrive si sente più a suo agio nei panni del Grinch, ha di buono che ci ricorda la nostra umanità. Certo, sempre a tempo e con molta ipocrisia. Ma meglio di niente. Così vogliamo fare finta anche noi di essere buoni e vi facciamo un regalo. Un cortometraggio delizioso, che racconta l’amore tra due ragazzi. Un primo amore, inconsapevole, timido e tenero, come solo i primi amori sanno essere. Un corto realizzato in animazione 3D che non ha parole e non ne ha bisogno.

Molti bambini che stanno per diventare ragazzi guarderanno questo cortometraggio e si accorgeranno che il loro amore esiste anche per gli altri. Vi regaliamo “In a Heartbeat”, perché le cose belle meritano di essere condivise.

 

Autore

Sardo di nascita, vivo a Firenze dai lontani tempi dell’università. Rimango sardo perché mi va e perché fiorentini non si diventa. Mi piace fare tutte le cose banali. Adoro i luoghi comuni, mi sforzo di essere hipster per occultare i mio lato nerd. Vorrei essere più alto. Amo incondizionatamente chiunque nutra la mia autostima. Credo che il mondo sarebbe più bello se fossimo tutti più stupidi.