Il Pan del Diavolo live al Borderline Club di Pisa

0
Condividilo!

Ecco un altro venerdì sera da Supereroi, stavolta al Borderline, noto club di Pisa.
Venerdì 10 novembre il Pan del Diavolo si sono esibiti in concerto con la loro spalla Cappadonia. Vediamo com’è andata.

Cappadonia

Partiamo dall’inizio, ovvero da Ugo Cappadonia, spalla del duo. Si tratta di un cantautore siciliano – come Gianluca e Alessandro de il Pan del Diavolo – e ha un passato nei Sick Tamburo e negli Aura; un altro suo progetto recente è quello degli Stella Maris, insieme a GianlucaUmberto Maria Giardini, Paolo Narduzzo ed Emanuele Alosi: il gruppo ha appena debuttato con l’album omonimo.

In apertura del concerto Cappadonia ha presentato il suo primo album da solista, Orecchie Da Elefante, prodotto da Alessandro; l’album vanta la presenza di alcuni ospiti tra le tracce, tra cui sia Alessandro che Gianluca

Se il 17 novembre passate da Roma, potete ascoltarlo al Wishlist Club, di nuovo insieme a il Pan del DiavoloIntanto ascoltatelo qua.

Il Pan del Diavolo

Scatenati sul palco come sempre, il Pan del Diavolo ci ha regalato una delle ultime poche date rimaste del tour del loro ultimo album Supereroi. Purtroppo il concerto inizia con qualche inconveniente tecnico per Alessandro, ma Gianluca salva l’attesa grazie al potere della jam. Poco dopo attaccano con Blu Laguna, dall’album Sono all’osso (2010), ma ahimè i problemi tecnici proseguono e il duo è costretto a fermarsi di nuovo rischiando quasi  di non poter suonare.

Attimi di panico velato. Dopo che lo staff – altri supereroi – sistema la strumentazione, passa la paura e il Pan del Diavolo riparte con la carica forte che già conosciamo.

Alessandro e Gianluca sanno fronteggiare gli imprevisti e non hanno difficoltà nel rapportarsi con il pubblico. I loro concerti mi sembrano una grande festa tra amici, dove tutti sono contenti e hanno voglia di saltare e cantare; è infatti tra amici che si condividono le cose, ed è proprio per questo che il duo ha anche condiviso il palco con Cappadonia in L’amore che porti, sempre tratto da Supereroi.

Io aspetto già di rivederli ancora.

Le belle foto in questo articolo sono state scattate da Cristina Parri.

Autore

Babbo toscano e mamma siciliana. Sono laureata in Discipline dello Spettacolo e della Comunicazione; sono volontaria dell'Associazione La Stazione; curo il sito e i social network dell'Ostello San Miniato sulla Via Francigena. Naturalmente, sono pigra, ma un po' testarda. Oh guarda, un unicorno rosa!