Il Tempo

0
Condividilo!

È davvero inutile parlare del Tempo
(non delle nuvole e della pioggia imminente).
È un monologo a perdere.
Il futuro
è costantemente davanti al nostro naso
un metro più in là,
quanto gli basta per non farsi prendere mai,
nemmeno allungando un braccio.
Il passato è un sassolino
incastrato sotto le suole delle scarpe,
un po’ fastidioso,
provi con tutti gli stecchi di legno che trovi
a toglierlo,
per non sentire più il rumore metallico
che stridula a contatto con le mattonelle.
Tutto inutile,
è un’operazione a perdere.
Sarebbe davvero bello poter rinunciare al tempo,
(ripensamento)
sarebbe davvero bello poter non parlarne più.
Perché Lui,
il tempo,
si sta prendendo pure la mia sigaretta
aiutato da quel simpatico,
stronzetto,
scompigliatore di teste,
che d’estate
sfoglia le pagine dei libri lasciati soli,
sopra un tavolo di plastica di un bar sulla spiaggia,
senza una penna a frenar la sua fretta
di veder già
cosa succederà.
Per dimenticare in fretta
quello che fu.
Facendoci poi impazzire
al ritorno,
nel cercare (disperato)
il numero esatto della pagina.
Nel ricercare (di nuovo)
il minuto esatto
del presente.

Il tempo - 5avi

Autore

Classe '91, laureato in Discipline dello Spettacolo e della Comunicazione a Pisa. Attualmente studio "Storia delle Arti visive, dello spettacolo e dei nuovi media". Amo la musica ed ho una band nella quale canto e scrivo i testi. Sono appassionato ad ogni forma di scrittura, dalla sceneggiatura alla poesia, dal testo teatrale al romanzo.