I 5 spot televisivi più imbarazzanti, italiani e trash

0
Condividilo!

Per chiudere in bruttezza ho scelto di stilare una classifica degli spot più imbarazzanti

Lo spot

Spot – breve messaggio pubblicitario che viene solitamente inserito in trasmissioni radiofoniche o televisive, interrompendone la continuità; è talora costituito da poche brevi battute, altre volte assume la forma di una scenetta comica o di un rapido raccontino.

Ecco la classifica, breve ed efficace.

5 – Wlady in Materazzi ha fatto goal

Al quinto posto, Wlady, ovvero Wladimiro Tallini – quello delle suonerie – colui che per un certo periodo ha infestato i cellulari di tanti simpaticoni, sensibili al Pulcino Pio o alle Tagliatelle di Nonna Pina. Gli spot delle suonerie rimbalzavano sulle reti Mediaset, come palline da ping pong impazzite. Qui, troviamo la versione mondiali 2006.
Che fine ha fatto Wlady?

4 – Saratoga, Brava Giovanna Brava

Intramontabile. Lo conoscono anche i muri ormai. Chi ha creato lo spot, avrà pensato di far sparire i mille pensieri negativi – temporaneamente – rimpiazzandoli con un ipotetico ménage à trois tra una ricca donna, un ricco – e infoiato – uomo e una cameriera – la mitica Giovanna – con un costume palesemente da sexy shop. Non dimentichiamoci il sequel.

3 – Nestea, Antonio fa caldo

Se lo sfondo è sessuale, sicuramente il risultato sarà trash. Al terzo posto abbiamo caldo opprimente e una moglie annoiata: il marito si alza e va al frigo, ritorna con un bicchiere di tè freddo e la moglie diventa smaniosa.

2 – Lines Seta Ultra, la ruota

Un appuntamento fisso per la maggior parte delle donne e un tabù da sempre: sto parlando delle mestruazioni. Questo spot è niente in confronto alla parodia di The Jackals: tutto ciò può avere conseguenze disastrose (qui).

1 – Rocco Siffredi in Amica Chips

Al primo posto, c’è lo spot con la star del porno, Rocco Siffredi. Rocco si diletta anche negli spot televisivi e, ovviamente, non mancano i doppi sensi. Banale e imbarazzante: in una parola trash.

Questa è la mia classifica. Certo fanno la loro figura anche AmbrogioPennelli Cinghiale e molti altri, ma la vostra classifica qual è?

Autore

Babbo toscano e mamma siciliana. Sono laureata in Discipline dello Spettacolo e della Comunicazione; sono volontaria dell’Associazione La Stazione; curo il sito e i social network dell’Ostello San Miniato sulla Via Francigena. Naturalmente, sono pigra, ma un po’ testarda. Oh guarda, un unicorno rosa!