Manara e i biglietti dell’Atac: vero scandalo o noioso bigottismo?

1
Condividilo!

Penso che Milo Manara sia noto a tutti gli appassionati di fumetto e illustrazione.

Classe 1945, nato a Luson (vicino Bolzano), Manara rappresenta, insieme a Pratt e Crepax, una delle colonne portanti del fumetto d’autore italiano degli anni Sessanta-Settanta. Abile illustratore e disegnatore, ha alternato storie splendide (Lo Scimmiotto, Il Viaggio di G. Mastorna detto Fernet, L’Uomo delle Nevi, I Borgia) ad altre meno riuscite, specie nel filone erotico (come il ciclo di Giuseppe Bergman o la sua rilettura de L’Asino d’Oro o Tre Ragazze nella Rete, oltre al non molto riuscito progetto 46 realizzato con Valentino Rossi), insieme a splendide realizzazioni per manifesti, libri, dischi e molto altro.

L’erotismo di Manara e le polemiche

Manara, per questo suo ritrarre spesso l’eros in modo molto diretto e provocatorio, si è spesso attirato ire e polemiche: ultimo caso recente, la scelta di far circolare quattro sue illustrazioni – realizzate per promuovere la mostra che il MACRO di Roma sta ospitando, complice anche la seconda edizione dell’ARF Festival – sui biglietti delle linee metro/tram/bus dell’Atac.

(I biglietti con le immagini di Manara – Foto © MIlo Manara/ATAC 2017)

Immagini sicuramente molto sensuali ma assolutamente prive di volgarità, che hanno però scatenato le armate dei “difensori della morale” (gli stessi che, invece, di fronte a pubblicità molto più spinte sui mezzi pubblici o spot o episodi sessisti – come il caso del pessimo “scherzo” alla cantante Emma ad Amici   a quanto pare restano a dormire) che ha giudicato i soggetti troppo osè, come detto anche dal direttore generale dell’Atac Bruno Rota.

Manara è sessista?

 Manara è dunque un sessista?

(Alcune delle copertine realizzate da Manara per Marvel – © Milo Manara/Marvel)

No, Manara ha semplicemente sempre voluto esplorare al massimo l’erotismo nei suoi personaggi femminili, con modi più o meno espliciti. Ci sono state polemiche anche quando, nel 2009, Manara iniziò a collaborare con la Marvel per illustrare le copertine di alcune testate della Casa della Idee e per la storia dedicata alle donne mutanti in X-Men Ragazze in Fuga . E ancora, anni prima, nella storia Desiderio apparsa nel volume Sandman The Endless Night della DC nel 2003: anche in quel caso la sensualità delle opere di Manara (in modi meno espliciti per la saga delle mutanti) appare evidente e mai gratuita.

(La copertina Variant di Spider Woman – © Milo Manara/Marvel 2014)

Destò invece una certa polemica nel 2014 la copertina Variant che realizzò per Spider Woman, giudicata troppo “sessualizzata” per la posa provocante della protagonista (che uscì comunque ed ebbe anche il sostegno di molti autori Marvel, come Frank Cho ad esempio, che ne realizzarono diverse Variant ironiche per dimostrare l’infondatezza dell’accusa), a dimostrare che certi tipi di polemiche sono internazionali.

Operazione sbagliata?

 L’operazione promozionale di Atac è stata infelice?

Secondo me No.

Molto rumore per nulla. I soggetti non sono volgari o pornografici. Come ho detto in precedenza, sui mezzi pubblici romani e non solo girano campagne pubblicitarie molto più sessiste di questa. È un’operazione commercialmente intelligente (fai conoscere la fiera, spingi gli appassionati a collezionare i biglietti, hai un ritorno mediatico) e quindi, la polemica ha ottenuto l’effetto contrario secondo me.

Visitate la mostra se potete

Anzi, colgo l’occasione e vi invito a visitare la mostra (aperta fino al 9 luglio) e vi lascio anche due indirizzi utili per informarvi:

Pagina FB Milo Manara: https://www.facebook.com/milomanaraofficial/

Pagina FB MACRO: https://www.facebook.com/macromuseoroma/

Sito Macro dedicato alla Mostra: http://www.museomacro.org/mostre_ed_eventi/mostre/macromanara_tutto_ricomincio_con_un_estate_romana

Sito Ufficiale Milo Manara: http://www.milomanara.it/

Autore

Nato e cresciuto nel Valdarno. Appassionato di Fotografia, Fumetti, Musica & Festival. Segue con la sua macchina fotografica le principali fiere del fumetto italiane e gli eventi musicali in Toscana. Fra le altre passioni, Cinema, Serie TV e segue e documenta la scena italiana del Wrestling da diverso tempo. Dal 2015 faccio parte di questa grande famiglia di 5Avi, con Nerd 4 Dummies.